SIS

Concept

The International Summer School “European Citizenship and Politics of Culture,” with its 4rd edition, has been permanently established by the Société Européenne de Culture to raise awareness among younger generations for political and social citizenship in the new global challenges for the European Union. Despite its nature, the initiative is part of the activities promoted by the European institutions to increase the active participation of young citizens in the political processes, through an institutional commitment, and a “politics of culture” as theorized by the SEC, as to say: a policy made by non-professional politicians inspired by shared human values.

This year the courses will be held in September from 1st to 6th, 2011.

The School is sponsored by European Parliament and dedicated to Bronislaw Geremek, a distinguished historian, member of the European Parliament and Vice-President of the Société Européenne de Culture, who died in 2008.

Objectives

The goals of the initiative are:

a) developing a better civic consciousness in young Europeans;

b) to favourite dialogue, mutual respect, through the various expressions of culture, the awareness of a common European heritage;

c) testing the new forms of active citizenship through new technologies.

Implementation

The summer courses are held each year in Venice, in San Servolo island, and are divided into lectures (morning) and workshops (afternoon), conducted by eminent European personalities who have distinguished themselves in the field of culture, and academia. The main language of the courses is English.

The topics addressed are:

Active citizenship and participation

Cultural policy

History of Europe

Human rights culture

Constitutionalization of the European Union

Multilevel governance and European social policies

European corporate communication

European citizens, and graduate students are invited to participate. The school has activated a partnerships with academia, foundations, universities and training centres, national and international standards, through the involvement of scholars and experts on citizenship issues, human rights and public policy.

The fee covers the registration fee, and also meals and accommodation for the entire duration of the course.

Expected Results

Initiative is expected the following results:

1. to increase the responsibility for decision makers in cultural policies at European level in relation to specific ethical guidelines and ethics.

2. Improving the quality of the processes of higher education.

3. To promote participation of young Europeans to the processes of decision making.

4. Integration of the students in the international network of relations represented by the European Society of Culture.

* * * * * * *

Natura

La Scuola estiva internazionale «European Citizenship and Politics of Culture», alla sua 4a edizione, è stata istituita, con carattere permanente, dalla Société Européenne de Culture per sensibilizzare le giovani generazioni all’impegno politico e sociale in vista delle nuove sfide globali che interessano l’Unione Europea. Pur con carattere proprio, l’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività promosse dalle istituzioni europee per accrescere la partecipazione attiva dei giovani cittadini ai processi decisionali della politica, sia attraverso l’impegno istituzionale, sia attraverso la politica della cultura come teorizzata dalla SEC: politica dei non politici di professione ispirata a valori umani condivisi.

Quest’anno i corsi si terranno dal 1 al 6 settembre 2011.

La Scuola è dedicata a Bronislaw Geremek, l’illustre storico, parlamentare europeo e vicepresidente della Société Européenne de Culture, scomparso nel 2008, ed è patrocinata dal Parlamento europeo.

Obiettivi

Gli obbiettivi dell’iniziativa sono:

a) sviluppare una maggiore coscienza civica nei giovani cittadini europei;

b) alimentare il dialogo, nel reciproco rispetto, attraverso le varie espressioni della cultura, nella consapevolezza di un retaggio europeo comune;

c) sperimentare nuove forme di cittadinanza attiva anche attraverso nuove tecnologie.

Modalità di realizzazione

I corsi estivi si tengono ogni anno a Venezia, sull’isola di San Servolo, e si articolano in lezioni frontali mattutine e in workshop pomeridiani, svolti da eminenti personalità europee, che si sono distinte nell’ambito della cultura, e da docenti universitari provenienti da varie parti d’Europa. La lingua principale dei corsi è l’inglese.

Le tematiche affrontate sono le seguenti:

Cittadinanza attiva e partecipazione

Politica della cultura

Storia d’Europa

Cultura dei diritti umani

Costituzionalizzazione dell’Unione Europea

Multilevel governance e politiche sociali europee

Comunicazione istituzionale europea

Possono partecipare cittadini europei, laureati in discipline sia umanistiche sia scientifiche.

La scuola attiva collaborazioni con accademie, fondazioni, università e centri di formazione nazionali e internazionali, attraverso il coinvolgimento di studiosi ed esperti su questioni di cittadinanza europea, diritti umani e politiche pubbliche.

La quota richiesta è a copertura delle spese di iscrizione, vitto e alloggio dei discenti; vitto, alloggio, viaggio dei docenti.

Risultati attesi

Dall’iniziativa si attendono i seguenti risultati:

1. Aumento delle competenze in materia di politiche culturali a livello europeo in riferimento a specifiche indicazioni etiche e deontologiche.

2. Miglioramento della qualità dei processi di alta formazione.

3. Partecipazione attiva dei giovani cittadini europei ai processi di decision making.

4. Integrazione dei discenti nella rete di relazioni internazionali rappresentate dalla Società Europea di Cultura.

Advertisements